Luca Simoncini si Ŕ diplomato col massimo dei voti e la lode, al conservatorio "Boito" di Parma, sotto la guida del M░ Franco Rossi del quale ha seguito anche i Corsi di Musica da camera presso il conservatorio di Firenze.
Ancora studente, ha vinto il 1░ premio alla Rassegna Violoncellisti di Vittorio Veneto ed il 1░ premio assoluto all'Accademia musicale di Pescara ed Ŕ stato invitato a partecipare ad importanti manifestazioni: " Musicanalisi" a Venezia unitamente al M░ Baldovino, "I Seminari di primavera" di Trieste ed Asolo tenuti dal M░ Menuier e Carlo Zecchi,  "Biennale Musica 80" alla Fenice di Venezia,  "Un concerto per domani"  di L.Fait per la Rai-tv. Ha collaborato come solista, con i Solisti Veneti e con i Nuovi Virtuosi di Roma, in tournees che hanno spaziato dall'Europa al Giappone.

Nel 1985 si Ŕ esibito in diversi Teatri, tra cui La Scala di Milano, in concerti dedicati all'Arte della Fuga di Bach con i Maestri Borciani , Pegreffi e Poggi ( cd Nuova Era 6744/45).
Dal 1980 Ŕ docente di violoncello presso il conservatorio musicale Venezze di  Rovigo. Ha insegnato ai Corsi estivi di Fivizzano, di Treviso per Asolo Musica, e alla Scuola di musica  di Saluzzo. Ha fatto parte della Commissione giudicatrice del Concorso Nazionale di Vittorio Veneto. Suona su uno strumento del 1737 di Gregorio Antoniazzi appartenuto a Gaspar Cassad˛. 

Ha tralasciato la pur prestigiosa attivitÓ solistica per dedicarsi dal 1982 al Quartetto d'archi.
Con il fratello Alessandro, Luigi Mazza e Demetrio Comuzzi ha costituito il Giovane Quartetto Italiano, denominazione suggerita dai Maestri Paolo Borciani,   Elisa Pegreffi,  Franco Rossi e Piero Farulli che ne hanno curato la preparazione.
Il Quartetto ha ben presto meritato ampi riconoscimenti:  per due anni consecutivi il Diploma d'onore alla Chigiana di Siena, all'Accademia Musicale Pescarese ed alla Staatliche Musikoschule di  Karlsruhe. Ha vinto il premio Agis nel 1982 ed il premio Dragoni di Fiesole. Si Ŕ esibito nelle pi¨ importanti istituzioni musicali italiane ed estere ( Giappone, Stati Uniti,
Unione Sovietica).

Ha collaborato in quintetto ed ottetto con numerosi artisti:  i pianisti Mario Borciani, Maurizio Zanini, Bruno Rigutto, Boris Petrushansky, Roberto Cappello,  il chiatarrista Stefano
Grondona, i clarinettisti Depeyer, Mayer, Daniels,  il violista Danilo Rossi e il Quartetto Borodin. Per le incisioni discografiche ha ricevuto i pi¨ alti riconoscimenti della critica speializzata: Stella d'oro, Diapason d'or, Choc du Monde de la Musique,  Prestige, Gran Prix du Disque con Claves, Emi, Adda, Nuova Era.

 

anieng.gif (5674 bytes)

homem.gif (1054 bytes)

english page

home page